Tecniche ipnotiche di induzione indiretta – Université Européenne
Tecniche ipnotiche di induzione indiretta

Marco Paret

19 Gennaio 2014

Nessun commento

Pagina iniziale lezioni online

Tecniche ipnotiche di induzione indiretta

Tecniche ipnotiche di induzione indiretta

tecniche-di-induzione-indirettaCari Amici e Gentili Amiche. Con questo articolo desideriamo iniziare un ciclo di introduzione al mondo dell’ipnosi durante il quale esploreremo insieme i segreti, le tecniche, i metodi, le applicazioni pratiche dell’ipnosi  e come utilizzarla per migliorare noi stessi, nei rapporti con gli altri e per raggiungere più facilmente i nostri obiettivi.

Molti lettori ci hanno chiesto di iniziare con le tecniche di induzione indiretta, ovvero l’insieme di modelli ipnotici noti col termine di “ipnosi conversazionale”. Si tratta di un’applicazione dell’ipnosi molto interessante grazie alla quale è possibile indurre degli stati di trance anche durante una semplice chiacchierata. Padroneggiare questo tipo di tecnica può risultare molto utile quando vogliamo creare sintonia, far accettare un’idea, persuadere, convincere o, più prosaicamente, sedurre 🙂

Le tre fasi di questo processo ipnotico sono identificabili con l’acronimo “ABS”:

A) Attrarre e focalizzare l’attenzione;

B) Bypassare il fattore critico;

C) Stimolare un output psicomotorio (decisione guidata).

Ciascuna di queste tre fasi può essere condotta utilizzando delle specifiche tecniche o strategie sia verbali che non verbali.

A – Attrarre e focalizzare l’attenzione – Per fare questo possiamo utilizzare:

  • Rallentamento del ritmo
  • Frasi slegate
  • Microconcetti
  • Pause e silenzi

B – Bypassare il fattore critico – Per fare questo possiamo utilizzare:

  • Transfert di stati d’animo
  • Guida analogica
  • Linguaggio vago o generico
  • Chunking-up
  • Cold reading
  • Comandi nascosti
  • Tripletta ipnotica
  • Interruttori di schema
  • Sequenze di truismi
  • Confusione e sovraccarico

C – Stimolare un output psicomotorio – Per fare questo possiamo utilizzare:

  • Ripetizione di parole chiave ad impatto emotivo
  • Story telling e metafore per produrre stati alterati di coscienza
  • Ancore analogiche

Come possiamo notare abbiamo a disposizione una gamma veramente ampia di tecniche per raggiungere l’obiettivo. Dal prossimo articolo inizieremo ad analizzarle una per una e a capire come metterle in pratica. Rimanete sintonizzati! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.